THINGS LEFT UNSAID - MUSEO ALBORNOZ, NARNI
MOSTRA PROROGATA FINO A GENNAIO
Sabato 8 ottobre 2016 alle ore 11.30 e´ stata inaugurata alla Rocca Albornoz di Narni la mostraThings Left Unsaid di Lapo Simeoni, terzo appuntamento del ciclo di proposte espositive curate dall’associazione culturale a sidereal space of art che, all’interno degli spazi restaurati della Rocca, intende offrire al pubblico itinerari inediti di arte contemporanea.
La personale di Lapo Simeoni, a cura di Micol Veller Fornasa e Alessandro Valeri, presenta, con un progetto imponente e ambizioso, il lungo e complesso percorso creativo del giovane artista italiano, ma berlinese di adozione, la cui ricerca da anni affronta tematiche politiche economiche e sociali, dal consumismo alla globalizzazione, senza mai perdere di vista l’essenza dell’opera e della dialettica artistica.
"Non è una scelta casuale che Lapo Simeoni decida di lavorare principalmente con materiali di recupero, scarti industriali e resti di beni secondari, superflui, frutto appunto delle mode consumistiche del nostro tempo. Non supportare la piramide economica voluta dalle multinazionali è, più che una scelta, una necessità per l’artista, che fa dell’opposizione e della resistenza il fine della sua ricerca. Le opere inglobano, così, cellulari, SIM card, piccole sculture in ceramica, quadretti e stampe, targhe, oggetti abbandonati, tutti esposti come simboli della nostra società. Così, sovrapposti gli uni agli altri, svariati trofei servono a comporre sculture, installazioni dalla grande forza evocativa." (Annalisa Ferraro).
Lo spazio espositivo della Rocca Albornoz, composto da grandi sale irregolari, diventa un percorso ideale per rappresentare una sorta di piramide socialeche l’artista divide in zone. La prima zona, "ESORDIO”, si presenta con un enorme stampa di Darwin, con applicata sopra l´opera SPAM. In questa sezione della mostra viene idealmente proposto il rapporto tra cittadino, potere, evoluzione e consenso. In questa sezionesi trova anche l´opera luminosa MIND THE GAP. Nella sezione del TRANSITO si potranno vedere le serie GLI ILLUMINATI e THINGS LEFT UNSAID, le quali affrontano il tema del Consumismo nella storia.
La SALA DEL COMANDO, invece, è il titolo dell’opera con cui affronta la parte finale del progetto espositivo. Nella sala principale, viene esposto un poster di grandi dimensioni (cm 400 x800 ca.) dove è raffigurata una scena cult tratta dal film "Dottor Stranamore”. Un ironico richiamo al potere della comunità europea si trova poi nell’opera EURO STARS, dove 12 sculture (parzialmente sgretolate), rappresentano idealmente la bandiera EU ergendosi verso la cupola piramidale del soffitto del Museo.
La RINASCITA è la raccolta di schizzi, progetti e appunti che raccontano da vicino il percorso personale dell’artista. Si trova nella balconata del piano superiore che, essendo aperta su tutte le sale, diventa il luogo da cui lo spettatore potrà avere una visione complessiva della piramide, per comprendere la ricerca poliedrica e formale delle opere in relazione al contenuto globale del progetto, la cui intenzione finale è quella di evidenziare, svelandoli, i meccanismi del sistema economico delle grandi multinazionali che da sole muovono il destino del pianeta.
Mostra: LAPO SIMEONI THINGS LEFT UNSAID
Curatori: Micol Veller Fornasa e Alessandro Valeri
Organizzazione e coordinamento: Ass. Cult. a sidereal space of art
Luogo: Narni, Rocca Albornoz, via di Feronia, snc.
Apertura al pubblico: 9 ottobre – PROROGATA FINO A GENNAIO 2017

Orari: sabato, domenica e festivi, dalle ore 14.30 alle 17.30
dal martedi al venerdì su appuntamento al numero 0039 338 6557702
MEDIA PARTNERS: Exibart, Espoarte, Juliet Art magazine, Kritica on line 
Fundraising: BEART 
SPONSOR TECNICI: DB Officine dell´immagine, Neon Scatena
Download
Reggia_caserta.pdf
Documento Adobe Acrobat 11.0 MB